Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, verrà accettato l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Per saperne di più clicca qui.

In Lombardia internazionalizzare è una vocazione ma il territorio resta strategico per qualità e competenze

Rapporto Internazionalizzazione 2019: le imprese lombarde nelle catene globali del valore

Milano, 28 ottobre 2019 – Il 94% delle imprese lombarde internazionali predilige l’export ad altre forme di presenza estera; oltre un terzo del fatturato è realizzato all’estero; per le imprese altamente internazionalizzate la filiera lombarda è strategica per prossimità, qualità e diversità delle competenze, i principali mercati sono Germania, Francia e Spagna mentre Russia, USA e Germania sono i primi Paesi target per il triennio 2019-22.

Questi i principali risultati emersi dall’Indagine internazionalizzazione 2019 ‘Le imprese lombarde nelle catene globali del valore’ realizzato da Confindustria Lombardia, in collaborazione con Sace Simest e ISPI, con il coordinamento scientifico del Centro Studi di Assolombarda e con il coinvolgimento delle altre Associazioni territoriali socie. Il Rapporto, presentato oggi presso la sede degli industriali lombardi, è stato condotto sotto l’indirizzo strategico dello Steering Committee Internazionalizzazione presieduto da Enrico Cereda, Vice Presidente Assolombarda con delega a Internazionalizzazione ed Europa.

L’Indagine ha raccolto informazioni presso oltre 1700 imprese lombarde associate al Sistema Confindustria Lombardia e include un focus sulle catene globali del valore, approfondito anche attraverso interviste a 7 imprese champion altamente internazionalizzate e rappresentanti dei settori agroalimentare (Consorzio Casalasco del Pomodoro), automotive (OMR), chimico (Lechler), energia (Maire Tecnimont), farmaceutico (Dompé, meccanica (Secondo Mona) e moda e design (Boffi).

 “Il Rapporto Internazionalizzazione del sistema Confindustria Lombardia mette in risalto la storica vocazione internazionale delle nostre imprese e la capacità del tessuto imprenditoriale lombardo di competere all’estero. Questa competitività è data, oltre che dalla capacità di adattarsi al mondo globalizzato, anche e soprattutto dalla scelta di usufruire della qualità, delle competenze e delle risorse e servizi che i nostri territori producono: la forza del sistema imprenditoriale lombardo, in Italia come all’estero, è il risultato delle tante straordinarie specializzazioni che compongono le filiere locali” ha dichiarato il Presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti.

“I risultati dell’indagine confermano quella che è una delle principali caratteristiche del tessuto imprenditoriale lombardo: la forte apertura al commercio internazionale - ha commentato Enrico Cereda, Vicepresidente di Assolombarda con delega a Internazionalizzazione ed Europa -. Basti pensare che le imprese lombarde generano circa il 28% dell’export italiano e, in media, il 45% del loro fatturato deriva dal rapporto commerciale con l'estero. Una performance che è il risultato di un sistema produttivo altamente sinergico dove imprese ‘champion’, grandi e altamente internazionalizzate, sviluppano legami forti e strategici con la filiera locale e la inseriscono in catene del valore globali. Dal rapporto, però, emerge anche la contenuta presenza diretta delle nostre aziende sui mercati esteri con proprie strutture commerciali o di produzione. Lavorare per colmare questo gap rappresenta un’opportunità per continuare a migliorare la vocazione internazionale del sistema lombardo”.

"Parlare di export significa parlare di imprese lombarde, da sempre traino del Made in Italy nel Mondo – ha dichiarato Beniamino Quintieri, Presidente di SACE (Gruppo CDP) -. Nonostante la congiuntura avversa, l’export della regione saprà trovare nuovi mercati e settori di opportunità grazie alla qualità dell’offerta e alla flessibilità del tessuto imprenditoriale presente in Lombardia. Un percorso complesso che le aziende intraprenderanno consapevoli che l'export è la vocazione di questo territorio e motore dell’economia italiana. Il Polo SACE SIMEST, presente nella regione con gli uffici di Milano, Brescia e Monza, conferma il proprio supporto alle imprese lombarde dove nel 2018 ha mobilitato risorse per 5 miliardi di euro in favore dei progetti di export e internazionalizzazione di circa 6.400 imprese”.

I risultati dell’Indagine contenuti nel Rapporto Internazionalizzazione 2019:

  • La modalità di presenza estera più diffusa sono le esportazioni (94% imprese rispondenti) seguite dalle importazioni (64%);
  • La dimensione continua a influenzare la possibilità di effettuare forme di internazionalizzazione di crescente complessità e rischio: al crescere della dimensione aumenta la presenza all’estero, prima commerciale e poi produttiva;
  • Il fatturato realizzato all’estero incide per il 45% del totale con tendenza crescente all’aumentare della dimensione (38% micro, 41% piccole, 51% medie, 58% grandi);
  • Le previsioni di crescita all’estero delle imprese lombarde sono ridimensionate;
  • L’UE rimane ancora l’area principale di destinazione delle vendite, la Cina è il primo Paese per scelta delle sedi produttive;
  • Russia, USA e Germania sono i principali Paesi target per il triennio 2019-22;
  • Ricerca partner esteri e incontri B2B i servizi di maggiore interesse per tutte le classi dimensionali;

 

Questi invece i principali risultati del focus sulle catene del valore globale delle imprese lombarde:

  • Ben 7 imprese su 10 hanno fornitori in Lombardia;
  • Oltre la metà delle imprese intervistate lavora principalmente su commessa o subfornitura;
  • Le filiere sul territorio sono molto lunghe e vengono trainate dalle grandi aziende: un terzo delle aziende che lavora in subfornitura lavora per grandi committenti rivolti a mercati UE ed extra-UE;
  • Anche per le imprese altamente internazionalizzate la filiera lombarda è strategica, per prossimità, qualità e diversità delle competenze dei fornitori e spesso tra la grande impresa e i fornitori locali nasce un beneficio reciproco;

 

Allegati

Download
Indagine Internazionalizzazione 2019_report completo.pdf
Cs_RapportoInternazionalizzazione_28ott2019.pdf

Gallery

94%
Imprese che prediligono l'export come modalità internazionalizzazione
45%
Quota estera su totale fatturato
7 su 10
Imprese con fornitori in Lombardia

#Lombardia2030

#Lombardia2030 è il Piano strategico di Confindustria Lombardia. Presentato nel dicembre 2015, ha proposto una visione di lungo periodo con l’obiettivo di agire sulle determinanti della competitività per garantire sviluppo e prosperità diffusa, partendo dal presupposto che la competitività delle imprese non è disgiungibile dalla crescita dei territori e della società in cui queste operano. Il lavoro svolto sui driver di competitività indicati in #Lombardia2030 ha portato alla nascita dei seguenti progetti strategici:

World Manufacturing Forum

Digital Innovation Hub Lombardia

Cluster

Capitale Umano

Progetto Europa

Progetto Credito

Confidi Systema

Lombardia2030

Dove siamo
Via Pantano 9 - Palazzo Gio Ponti, 20122 Milano
Tel. 02/58370800
segreteria@confindustria.lombardia.it


© 2000 - 2020 CONFINDUSTRIA Lombardia. Tutti i diritti riservati.