Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, verrà accettato l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Per saperne di più clicca qui.

BUSINESS FORUM BDI – CONFINDUSTRIA: ‘Towards a resilient and competitive Eu Energy Union’

Dichiarazione del presidente di Confindustria Lombardia Alberto Ribolla

Bolzano, 15 ottobre 2015 – Siamo già in un futuro in cui la discriminante non è più solo il costo dell’energia, ma l’averne accesso o non averne nelle quantità e nei tempi necessari. In Italia (nonostante i vincoli di bilancio) e in tutta Europa dobbiamo da un lato incentivare il risparmio energetico e dall’altro la produzione di energia con materie prime disponibili, siano esse rinnovabili o meno, rendendole al contempo ecologicamente (e industrialmente) sostenibili.


L’adeguamento all’ETS, così come l’ingresso nella nascente Unione Energetica, devono rappresentare una richiesta di sforzo tecnologico mirato a questi obiettivi e non una minaccia di aggravio dei costi e della burocrazia o addirittura di deindustrializzazione. Se questa fosse l’impostazione, sarebbe un’enorme opportunità per tutte quelle imprese che sapranno innovare investendo in tecnologie d’avanguardia.

Per ottenere questo risultato, abbiamo bisogno sia di una politica alta sia di una forte unità di intenti tra imprese, e tra imprese e centri di ricerca, con una forte logica aggregativa e sovranazionale. Per far ciò serve una visione strategica di lunghissimo periodo e una forte collaborazione pubblico-privato che incentivi questa policy (in particolare la collaborazione tra cluster).


CONFINDUSTRIA LOMBARDIA PRESIDENT ALBERTO RIBOLLA’S STATEMENT

Bolzano, october 15, 2015 – We are already in a future where the discriminant will be not only the cost of the energy, but having or not having access to the quantities and at the time required. In Italy (despite budget constraints) and throughout Europe on the one hand we need to encourage the energy saving and in the other hand increase energy production with raw materials available, whether renewable or not, and at the same time making them ecologically (and industrially) sustainable.

The adaptation to ETS (Emission Trading System) standards, as well as the entry into the nascent Energy Union, request a technological effort aimed at these goals and not a threat of increased costs and bureaucracy or even de-industrialization. If this was the setting, it could be a huge opportunity for all those companies that will innovate by investing in cutting-edge technologies. To achieve this, we need both high policies and a strong unity of purposes between enterprises and between enterprises and research centers, with a strong and also supranational logic of aggregation. We need a very long-term strategic vision and a strong public-private collaboration to encourage this policy (in particular the cooperation between clusters).

Allegati


dichiarazione Ribolla Business Forum Bolzano - 15 ottobre 2015.pdf
Programma Business Forum.pdf

Gallery

#Lombardia2030

#Lombardia2030 è il Piano strategico di Confindustria Lombardia. Presentato nel dicembre 2015, ha proposto una visione di lungo periodo con l’obiettivo di agire sulle determinanti della competitività per garantire sviluppo e prosperità diffusa, partendo dal presupposto che la competitività delle imprese non è disgiungibile dalla crescita dei territori e della società in cui queste operano. Il lavoro svolto sui driver di competitività indicati in #Lombardia2030 ha portato alla nascita dei seguenti progetti strategici:

World Manufacturing Forum

Digital Innovation Hub Lombardia

Cluster

Capitale Umano

Progetto Europa

Progetto Credito

Confidi Systema

Lombardia2030

Dove siamo
Via Pantano 9 - Palazzo Gio Ponti, 20122 Milano
Tel. 02/58370800
segreteria@confindustria.lombardia.it


© 2000 - 2021 CONFINDUSTRIA Lombardia. Tutti i diritti riservati.