Enterprise Europe Network

Progetto Simpler

Presentati a Monza i Cluster tecnologici lombardi

Monza, 27 Aprile - Confindustria Monza e Brianza e Confindustria Lombardia presentano i nove Cluster Tecnologici Lombardi: Aerospazio, Agrifood, Ambienti di Vita, Chimica Verde, Energia, Fabbrica Intelligente, Mobilità, Scienze della Vita, Smart Communities.

Ogni Cluster presidia un ambito tecnologico strategico per la Smart Specialization Strategy (S3) di Regione Lombardia a sua volta allineata con la Strategia Europea 2020. “I Cluster sono strumenti strategici che se ben divulgati- sottolinea Gabriella Meroni Presidente Piccola Industria Confindustria Monza e Brianza- possono creare valore per il territorio e portare vantaggi alle imprese. E’ questo uno degli obiettivi di questa giornata in cui i Cluster lombardi vengono presentati in collaborazione con Confindustria Lombardia. I Cluster - prosegue la Presidente Meroni - sono il sistema di aggregazione di imprese, centri di ricerca, università, associazioni, enti pubblici/privati legati ad uno specifico ambito tecnologico. Strumenti nati per favorire l’innovazione, la creazione di partnership internazionali e accedere a nuove opportunità di finanziamento pubblico. C’è però chi ha saputo guardare alla propria impresa con occhi diversi, ne ha riconosciuto i difetti, gli aspetti negativi, e ha saputo veder oltre. Il saper cogliere anche nuovi strumenti a sostegno delle imprese, è sicuramente la strada giusta per agganciare la positività dell’attuale congiuntura economica e - conclude Gabriella Meroni - Informare le imprese delle opportunità e accompagnarle in nuovi progetti di crescita è un dovere delle Associazioni come Confindustria”.

I Cluster rappresentano una formula aggregativa che consente di promuovere la crescita economica, le partnership internazionali e accedere a finanziamenti pubblici, oltre a contribuire alla creazione di posti di lavoro e di nuove industrie, passando per la valorizzazione della proprietà intellettuale. “Per Confindustria Lombardia il futuro dell’industria lombarda passa dallo sviluppo dei cluster – ha dichiarato Gianluigi Viscardi, presidente della Piccola Industria di Confindustria Lombardia –. Questo nuovo modello aggregativo rappresenta, infatti, la nuova frontiera per competere sui mercati globali. Competizione sempre più difficile da affrontare con mezzi tradizionali. Inoltre, come dimostrato anche da recenti pubblicazioni internazionali sul tema – ultima in ordine di tempo ‘Clusters, convergence, and economic performance’ di Mercedes Delgado, Michael E. Porter, Scott Stern – questo nuovo modello favorisce lo sviluppo di nuovi brevetti, promuove la crescita economica e dunque la creazione di nuovi posti di lavoro. I Cluster tecnologici lombardi, attraverso la collaborazione e lo sviluppo di sinergie fra piccole, medie e grandi imprese con centri di ricerca e università, amministrazioni pubbliche e soggetti bancari, rendono le industrie del nostro territorio più internazionalizzate, digitalizzate e connesse” ha concluso Viscardi. Oggi la congiuntura economica impone imprese più grandi, o PMI aggregate in Cluster, più veloci, più internazionalizzate, più digitalizzate e connesse, con un migliore capitale umano. Per questo motivo è determinate il rapporto e la sinergia tra grande e piccola impresa. Nel corso della giornata sono state illustrate le esperienze dei Cluster tecnologici lombardi, le prospettive future e le opportunità offerte da questo strumento aggregativo in termini di competitività.Al termine della presentazione si sono svolti i one to one durante i quali le imprese hanno potuto incontrare direttamente i cluster manager.

10:00 Incontro Svizzera